I Fumetti della Resistenza

Copertina
16 giovani illustratori
per 8 giovani partigiani

Prima pagina :: La storia sui muri :: Le lapidi :: I lavoratori dell'Innocenti che non fecero ritorno dai campi nazisti

Cippo a memoria dei lavoratori dell'Innocente che non fecero ritorno dai campi nazistiDove: piazza Vigili del Fuoco (angolo via Cutuli) - Lambrate

 

(Testo)

Questo è il quartiere dove
sorgeva la fabbrica Innocenti;
ricordiamo gli operai arrestati
per gli scioperi del marzo 1944
e deceduti nei lager nazisti

(segue elenco di 12 nomi su due colonne)

 

Giacomo Banfi
Luigi Colombo
Agostino Corno
Vincenzo De Silvestri
Giovanni Dolfi
Agostino Mantica
Giovanni Poloni
Alfredo Pozzi
Battista Previtali
Luigi Radice
Dante Villa
Luigi Marzagalli

All’Innocenti operano clandestinamente i gruppi partigiani delle Brigate Garibaldi, la 118a e 194a.
Il 1 Marzo 1944 alle ore 10 inizia lo sciopero all’Innocenti.
Il 10 marzo, di mattina, le SS entrano nello stabilimento, bloccano le uscite e cominciano a sparare, radunando i lavoratori in cortile.
Quattordici operai vengono arrestati e portati a San Vittore: Giuseppe Arrisari, Giacomo Banfi, Luigi Colombo, Agostino Corno, Giacomo Costa, Vincenzo De Silvestri, Giovanni Dolfi, Agostino Mantica, Giovanni Poloni, Alfredo Pozzi, Battista Previtali, Luigi Radice, Adamo Sordini, Dante Villa e Luigi Marzagalli che era già stato arrestato, nel febbraio.

Leggi la storia