I Fumetti della Resistenza

Copertina
16 giovani illustratori
per 8 giovani partigiani

Prima pagina :: Storia :: Storia europea :: Buchenwald: Campo di concentramento - 1937-1945
Indice
Buchenwald: Campo di concentramento - 1937-1945
1937
1938
1939
1940
1941
1942
1943
1944
1945
1945 - Dopo la liberazione
Tutte le pagine

Cartina Buchenwald




 

 

 

 

 

Nel luglio del 1937, le SS disboscano la foresta sull'Ettersberg vicino a Weimar per erigere un nuovo campo di concentramento. Il campo deve servire a combattere gli avversari politici, a perseguitare ebrei, sinti e rom, a escludere definitivamente dall '"ente nazionale" tedesco gli "stranieri nella comunità", tra cui omosessuali, senzatetto, testimoni di Geova e quelli con precedenti penali. Buchenwald divenne presto sinonimo del sistema di campi di concentramento nazista. Dopo l'inizio della guerra, persone provenienti da tutta Europa furono deportate a Buchenwald. Nel campo di concentramento di Ettersberg e nei suoi 139 campi all'aperto, un totale di circa 280.000 persone sono imprigionati. Le SS li costringono a lavorare per l'industria delle armi tedesca.
Alla fine della guerra, Buchenwald era il più grande campo di concentramento nel Reich tedesco. Oltre 56.000 persone muoiono a causa di torture, sperimentazioni mediche e stanchezza. In un luogo appositamente allestito per le esecuzioni, oltre 8.000 prigionieri di guerra sovietici verranno uccisi. I combattenti della resistenza costituiscono un'organizzazione clandestina nel campo, al fine di frenare al meglio le devastazioni delle SS. Tuttavia, il "Piccolo campo" diventerà l'inferno di Buchenwald. Migliaia di prigionieri sfiniti moriranno poco prima del liberazione. Quando gli americani raggiunsero Buchenwald e i suoi accampamenti esterni nell'aprile del 1945, Dwight D. Eisenhower, il comandante in capo delle forze armate alleate, scrisse:  "Nulla mi ha mai commosso più di questo orrore."

VISTA AEREA DEL CAMPO DI CONCENTRAMENTO DI BUCHENWALD DOPO LA LIBERAZIONE, FINE APRILE 1945. FOTO: ARCHIVI NAZIONALI DI WASHINGTON

 VISTA AEREA DEL CAMPO DI CONCENTRAMENTO DI BUCHENWALD DOPO LA LIBERAZIONE, FINE APRILE 1945. FOTO: ARCHIVI NAZIONALI DI WASHINGTON