I Fumetti della Resistenza

Copertina
16 giovani illustratori
per 8 giovani partigiani

Prima pagina :: Storia :: Storia europea :: Buchenwald: Campo speciale sovietico n. 2
Indice
Buchenwald: Campo speciale sovietico n. 2
I Detenuti
Il quotidiano
Lo scioglimento
Tutte le pagine

Campo speciale sovietico n. 2 di Buchenwald 1945-1950

L'edificio della porta dall'ex campo speciale di Buchenwald, 1950. Il cancello in ferro battuto del campo, con il cartello SS "A ciascuno il suo dovuto", è dietro la palizzata di assi, caratteristica del campo speciale.

Il campo chiamato Buchenwald Special Camp No. 2 era uno dei dieci campi e delle tre prigioni  nella zona di occupazione sovietica, che la forza occupante usava per internare i tedeschi. Nell'agosto del 1945, i servizi di sicurezza sovietici continuarono a utilizzare gli edifici esistenti del campo di concentramento di Buchenwald. Soprattutto, vi saranno internati funzionari locali del NSDAP (Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori), ma anche giovani e persone denunciate. Sarà impedito qualsiasi contatto con l'esterno, una procedura in qualche modo legale non avrà luogo.

Dei 28.000 occupanti, oltre 7000 morirono per malattie legate alla carestia, principalmente durante l'inverno 1946-1947. Nel febbraio 1950, poco dopo la creazione del R.D.A.(Repubblica Democratica Tedesca), il campo fu sciolto dai sovietici.

Foto
L'edificio della porta dall'ex campo speciale di Buchenwald, 1950. Il cancello in ferro battuto del campo, con il cartello SS "A ciascuno il suo dovuto", è dietro la palizzata di assi, caratteristica del campo speciale.